poesia di Neruda

•marzo 6, 2008 • 2 commenti

Dopo averla citata nel post riguardante il senatore Mastella, riporto la bellissima poesia di Pablo Neruda “lentamente muore”.

Lentamente muore Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni  giorno gli stessi percorsi,
  chi non cambia la marcia,
  chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
  chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente chi evita una passione,
  chi preferisce il nero su bianco
  e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni,
  proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che
  fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il  cuore  davanti all’errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
  chi e’ infelice sul lavoro,
  chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno,
  chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
  consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
  chi non legge,
  chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia
  aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o
  della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
  chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non
  risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere
  vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
  splendida felicità.

Annunci

radicali e PD

•marzo 5, 2008 • Lascia un commento

Ci sono malcontenti dei Radicali per la composizione delle liste del PD. Come finirà? Vedremo e commenteremo

le liste del PD

•marzo 5, 2008 • Lascia un commento

Non riesco proprio a comprendere, se non giustifacole con una legittima strategia elettoralistica, le critiche che vengono mosse a Walter Veltroni per aver candidato nelle liste del PD operai ed imprenditori, prefetti e lavoratori di call center. Non riesco,sinceramente, a capire dove stia la stranezza di questa scelta. I parti, a mio avviso, sono pezzi della società e coem tali devono cercare di rappresentarla nella maniera più veritiera possibile. Non viviamo in una società di soli imprenditori o in una società costituita da soli operai. Non viviamo neppure in una società di soli cattolici o di solo laici, di solo cristiani o di solo musulmani. Viviamo,per fortuna, in una società variegata e dalle mille facce. Non potrei immaginare un partito dove ci fossero solo operai o un partito dove fossero presenti solo imprenditori o un partito composto solo da cattolici o solo da laici. Non potrei mai condividere la presenza di un partito monocolore. Non capisco chi, battendosi per una società dove vengano rispettate le identità di tutti , critica chi nel proprio partito tenta di valorizzare queste differenze e ricchezze. 

la riscossa di Hillary

•marzo 5, 2008 • Lascia un commento

election-2008.gifOhio, Rhode Island e Texas rilanciano la corsa di Hillary Clinton per la nomination democratica. Dopo 12 vittorie consecutive Barack Obama si aggiudica soltanto lo stato del Vermont. Dopo le primarie di ieri la situazione in casa democratica è sempre più complessa. Nonostante la sconfitta di ieri Obama continua ad essere in vantaggio nel numero dei delegati anche se Hillary si è rimessa in corsa. Se nei prossimi mesi gli elettori delle primarie non faranno una scelta univoca verso uno dei due condententi, la nomination per il partito democratico sarà decisa nella convention di agosto. In quella circostanza, allora, conteranno i superdelegati ,molti dei quali, sino ad ora, non hanno scelto chi appoggiare. Tutto questo mentre tra i Repubblicani il senatore John McCain ,da oggi , inizia la sua campagna per la presidenza avendo,ieri, ottenuto la nomination. Il partito repubblicano,quindi, avrà il vantaggio di iniziare la campagna per le presidenziali molti mesi prima. Se da un lato la battaglia tra Hillary ed Obama appassiona gli americani e non solo, dall’altro questa situazione potrebbe svantaggiare chiunque di due otterrà la nomination dopo mesi di forte lacerazione all’interno del partito e con un rivale; McCain, già in piena corsa. Le prossime settimane,quindi, appaiono decisive.

 

primarie u.s.a.

•marzo 4, 2008 • Lascia un commento

img_news.pngNello stesso momento in cui scrivo questo post negli Stati Uniti si sta votando per le primarie. Domani mattina conosceremo l’esito di questa importante consultazione. Nel partito repubblicano l’esito è oramai scontato con la nominatition del senatore John McCain mentre nel partito democratico il voto di oggi è molto importante. Una ennesima vittoria di Barack Obama lancerebbe il senatore di Chicago verso la nominatio. Una vittoria di Hillary Cliton ridarebbe all’ex first lady la possibilità di concorrere per la presidenza. Domani,a risultati acquisiti, potremo commentare quanto accaduto.

mastella

•marzo 4, 2008 • Lascia un commento

Durante le dichiarazioni di voto sulla fiducia al governo Prodi, il senatore Mastella aveva citato la poesia di Neruda “Lentamente muore”. A posteriori dato che il partito del Senatore Mastella sembra diventato sgradito a tutti, potremmo aggiungere alla già citata poesia :” lentamente muore (politicamente) chi ha fatto cadere un governo per delle ragioni personali e chi si cura solo di sè”

programmi elettorali

•marzo 4, 2008 • Lascia un commento

Domanda: gli esponenti del Partito del Popolo della Libertà sostengono che Veltroni abbia copiato il programma del Partito Democratico da Berlusconi. Altri esponenti del Partito del Popolo della Libertà affermano che il programma del Partito Democratico è un “librodei sogni”….C’è qualcosa che non quadra..Delle due l’una! Se diamo per buone entrambe le affermazioni allora possiamo sostenere che il programma di Berlusconi è un “libro dei sogni”! Bah! Forse è meglio che gli esponenti del PdL decidano prima una linea di pensiero unica! Forse sono tanto presi dall’inseguire Veltroni che cercano di copiare la sua parodia :” il programma del PD è copiato dal nostro ma anche un libro dei sogni”!! Pazienza